sabato 23 maggio 2009

Amico tossico

Ho un vicino di casa, un giovane tossico, che ogni tanto mi viene a trovare per battere cassa.
Ogni volta improvvisa certi giri di parole da far fumare la testa, partendo sempre da molto lontano.
Non è mai diretto, nonostante l'abbia ripetutamente incoraggiato a esserlo. Ma posso anche capirlo.
Lui non dice :"Ascolta, Giù, mi mancano 10 euro per farmi una pera, sto male e non so dove battere la testa". No! Lui viene, saluta, ti bacia, fa un sorriso disarmante e ti dice: "Sai Giù oggi sto proprio a posto, non ho bisogno proprio di niente, neanche di un decino, non sono venuto qua per questo".
Allora capisco tutto.
E mi viene subito in mente Berlusconi.

1 commento:

achab ha detto...

il tuo post,è un pò particolare e anche divertente mi spiace x il tossico.ciao.